fbpx

Un’artista a 360°, una ballerina, una circense e anche una pole dancer.  Apriamo le dance delle Pole Interview con un’artista italiana all’estero, Giulia Piolanti.

Scroll down to read  the English version.

Con Giulia Piolanti si apre anche la nuova rubrica di Pole Dance Italy, dedicata alle pole dancers  nel mondo. Abbiamo scelto proprio lei perchè oltre ad essere una grande artista, rappresenta anche l’idea che sta alla base di Pole Dance Italy. Pole Dance Italy nasce infatti per raccontare quello che succede nel mondo riguardo la pole dance ma in italiano, un cuore italiano che ama girare, scoprire e conoscere.

Ora passiamo alle cose importanti, la Pole Interview!

La prima volta che l’abbiamo vista è stato grazie al video  per la partecipazione all’IPC 2010. Solo pochi mesi dopo, arrivava seconda nella categoria Pole Art all’International Pole Championship 2010 a Tokyo, con una performance davvero particolare, molto ricercata, in cui abbiamo visto tantissima danza e molta moltissima pole dance.

Per vedere l’interpretazione di Giulia Piolanti all’IPC 2010 a Tokyo, che vi consigliamo vivamente di fare, cliccate qui PoleChampionVideo.com, e selezionate il nome di Giulia.

Giulia Piolanti inizia ginnastica artistica all’età di 6 anni. Dopo aver finito la sua carriera nel mondo competitivo della ginnastica a 19 anni, studia per due anni all’accademia di danza a Milano. A 20 anni incomincia a ballare per una compagnia Italiana. A 27 anni arriva la chiamata da le Cirque du Soleil per uno spettacolo a Tokyo. Arrivata in Giappone le si apre un nuovo mondo verso infinite possibilità artistiche, ed è proprio a Tokyo che scopre e conosce la pole dance.

Per conoscerla un po’ meglio e scoprire qualche segreto l’abbiamo intervistata per voi.

Ciao Giulia, grazie per averci dedicato un po’ di tempo. Quando ti sei innamorata della Pole Dance?

Nel 2008 misono trasferita a Tokyo, Giappone per il mio primo show con le Cirque du Soleil, Zed.

Il Giappone è assolutamente una grande nazione artisticamente parlando, e una delle migliori per quanto riguarda la pole dance. Non lo sapevo assolutamente prima di aver avuto il piacere di vivere lì per 3 anni. All’interno del mio show c’era un atto di palo cinese, e inizialmente mi allenavo nella palestra del teatro con gli acrobati dello spettacolo, dopo ho avuto il piacere di conoscere la miglior pole dancer nel mondoMai Satoe mi sono innamorata di questa incredibile disciplina.

Il tuo stile è unico ed è il risultato della fusione di diverse arti, come lo descriveresti?

Ogni volta che mi avvicino ad una nuova disciplina artistica,  mi piace esplorarla giocandoci senza nessuna conoscenza, sentendo il mio corpo e scoprendo il nuovo attrezzo.

Naturalmente la mia formazione influenza il mio stile. Sono una ginnasta per prima cosa e una ballerina, per questo ciò che amo di più è combinare i due stili differenti: la forza e l’armonia, la potenza e la leggerezza dei movimenti, non solo tricks, il palo diventa il mio compagno, io ballo con lui.

Il tuo background sportivo spazia dalla ginnastica ritmica alla danza, suggeriresti la pole dance come sport da praticare e se sì,
perchè?

Questa è una domanda davvero difficile a cui rispondere. Inizialmente direi che la pole dance è un arte, un’evoluzione dell’exotic dance, e la prova è che anche gli uomini si stanno avvicinando a questa disciplina. Potremmo presupporre che la pole dance è uno sport grazie alle competizioni che hanno luogo in tutto il mondo, ma allo stesso tempo dire che la pole è uno sport è piuttosto restrittivo, è più intrattenimento, di un tipo davvero molto impressionante.

Dal 2007 lavori a le Cirque du Soleil, prima in Giappone e ora in America. Com’è lavorare con le Cirque du Soleil, una compagnia riconosciuta in tutto il mondo, ed essere parte dei magnifici show che creano?

Lavorare per le Cirque du Soleil è un sogno diventato realtà. Devo ringraziare il circo per quello che sono oggi come artista. Condividere con altri artisti è uno dei migliori aspetti di questa professione, non è soltanto un lavoro ma è una scuola di vita, è un mondo di conoscenza, tutto il mondo con tradizioni differenti tutte insieme in un unico spettacolo.

Hai un mentore o una figura che ti ha ispirato e guidato?

Come ho detto devo ringraziareMai Sato, lei è una grnde artista, ma se devo essere onesta prendo ispirazone dal mio gatto. Provo sempre a muovermi come un felino, in questo caso il palo può essere un albero con il quale gioco ;-).

Qual è il miglior consiglio che ti è stato dato.

Non pensare mai di essere la migliore, non smettere mai di imparare e ascoltare le osservazioni di altre persone. Accetta sempre nuove sfide, non sederti mai in un posto confortevole, il lavoro duro porta soddisfazioni, il lavoro facile ti porta ad essere solo un interprete… mentre io voglio essere un artista.

Che cosa suggeriresti alle persone che praticano la pole dance?

Divertitevi con il palo, non copiate troppo e non cercate di essere chi non siete, siate soltanto voi stessi,  ascoltate il vostro corpo e andate con lui e andate per lui.

Ci sono degli eventi futuri alla quale parteciperai che vuoi condividere con noi?

Adesso sono in tour per 3 anni per il nuovo spettacolo di le Cirque du Soleil, Michael Jackson The Immortal world tour, come pole dancer. Ora siamo in scena in tutto il Nord America, mentre il prossimo 2013 sarò con lo show in Europa.

Se potessi aggiungere un’altra domanda a questa intervista, quale sarebbe?

Perchè la pole dance è diventata così popolare?
L’essere umano è nato per andare contro i propri limiti, la pole dance ne è un esempio. In questo caso devo dire  che è ancora più interessante perché le donne vogliono cambiare l’idea della pole dance nel mondo, dimostrando quanto può essere duro e artistico uno spettacolo di pole dance.

Nel 2013 Giulia Piolanti sarà in Europa con le Cirque du Soleil per il Michael- Jackson World Tour. Non ci aspetta altro che attendere il tour in Europa per poterla vedere on the pole, anche se chi lo sa magari la vedremo prima.


Photo by: Kiara Giannoni, scoprine le altre foto sulla pagina Facebook di PoleDanceItaly.com

Find below the ENGLISH VERSION of the interview with Giulia Piolanti from Italy. 

We first see Giulia thank to her entry video for IPC 2010 in Tokyo. Just few months after she was first runner up at the International Pole Championship 2010 in the Pole Art category, with a stunning performance.

If you want to see her winning performance at the IPC 2010 in Tokyo visit http://polechampionvideo.com/video/polechampion2010, warmly recommended, and select the name of Giulia Piolanti.

Giulia started rhythmic gymnastics at the age of 6. After ending her competitive career at 19 years old, she attended a dance accademy in Milan for 2 years. At age 20 she started dancing for an italian company. When she was 27 Cirque du Soleil chose her to work on a new show in Tokyo. Moving to Japan opened her eyes to a whole new realm of artistic possibilities, this is where she found her appreciation for Pole Dance.

Finally the interview and some Giulia’s secrets.

When did you first fall in love with pole dancing.

On 2008 I moved to Tokyo, Japan for my first Cirque du soleil show,Zed.
Japan is definitely a great country artistically speaking,and one of the best window regarding pole dancing.i didn’t know that till I had the pleasure to live there for more than 3years.Because in my show we had a Chinese pole act,at first I started playing in the training gym of the theatre with the acrobats of the show,then I had the pleasure to meet one of the best pole dancer in the world,Mai Sato,and I fall in love with this incredible discipline.

Your style is really unique and melts different arts, how would you describe it?

Every time I approach a new artistic discipline i like playing around without any knowledge at first, feeling my body and feeling the new apparatus.
Of course my background influences my style, I’m a gymnast first and dancer after so what I love is combining the two different styles: the strength and the harmony, the power and the lightness of a movement, not just tricks, the pole becomes my partner, I dance with him.

Your fitness background moves from rhythmic gymnastics to dance,would you suggest pole dance as a sport if so why.

That’s a very hard question to answer, I would say first that pole dancing is art,it’s an evolution of exotic dance and the prove is also men are approaching themselves to this discipline.we could assume pole dancing is a sport thanks to the competitions all over the world, but at the same time saying pole dancing is a sport I find is a bit restrictive, it’s more entertainment,very impressive one.

You have worked for Cirque du Soleil since you were 27 years old. How did you feel work with such a worldwide recognized company and being part of all the beautiful shows they have created.

Working for cirque is a dream become true.i have to thank cirque for being who I am now as artist,the sharing part with the other artists is one of the best aspect of this job, it’s not just work is a school of life, is a world of knowledge, all the world with different traditions all together in unique shows.

Do you have a mentor or inspirational figure that has guided or influenced you?

As I said I have to thank Mai Sato, she is a great artist, but if I have to be honest I take my inspirations from my cat.. I always try to move like a feline, in this case the pole could be e tree where I play with 🙂

What is the best advice you have been given?

Never think you are the best, never stop learning and listening other people notes.. always take new challenges,never seat yourself in a comfortable place, hard work brings satisfactions, easy work brings you to be just a performer.. I want to be an artist instead!

What would you suggest to the people who practice pole dancing?

Have fun with the pole, don’t copy too much don’t try to be who you are not, just be your self, listen your body and go with it,go for it!

Do you have any upcoming events that you would like people to know about in your area?

Right now I’m on tour for 3 years with the new Cirque du Soleil show: Michael Jackson The Immortal World Tour, as a pole dancer. Next 2013 I will be with the show in Europe,  now we are performing all over North America.

If you could add one more question to this interview,what would it be?

Why is pole dancing becoming so popular?
The human being is born to go against limits, pole dancing is an example, and in this case I have to say is even more interesting because women want to change the idea of pole dancing in the world,proving how hard and artistic can be a pole act.

 

Thank Giulia so much for your time.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go Top