fbpx

E così si è concluso Domenica 9 Settembre il week end no stop dedicato alla pole dance, all’Acquapole e al fitness acquatico organizzato dalla Federazione Italiana Pole Dance in collaborazione con Acquapole, Aguamovida e Movida.
Sono stati due giorni intensi ed emozionanti che hanno messo alla prova resistenza fisica e competenze apprendendone di nuove e utilizzando quelle acquisite. Ognuna ha portato “on the pole” il proprio background; chi partendo da zero, chi partecipando alle lezioni intermedie/avanzate ricavandone grande soddisfazione. Le lezioni di pole dance sono state tenute in maniera allegra, intensa e proficua da Valeria Bonalume (campionessa italiana di pole dance 2011) e Valeria Ludione (vice campionessa italiana di pole dance 2011). Dal lato “pole” nulla da eccepire alle giovani e forti insegnanti che hanno guidato le classi interessandosi al livello di ognuna e supportando le varie difficoltà nel mettere a punto i tricks delle loro allieve. Molte sono state le soddisfazioni, i sorrisi e gli applausi così come le foto scattate dal fotografo impegnatissimo a cogliere la posa delle varie pole dancers nel momento top. Altrettanto utili e apprezzate sono state le lezioni di stretching che hanno fatto sì che i nostri muscoli non si appesantissero troppo e dando così l’opportunità di lavorare ancora maggiormente sulla flessibilità.

Divertenti e intense le lezioni di Acquapole, Aguamovida/Fitness che hanno tenute impegnatissime decine e decine di ragazze tra tricks nell’acqua, addominali, gambe glutei il tutto condotto con grande simpatia e maestrìa dallo staff di Acquapole.


La Domenica 9 per le più instancabili polers, oltre alle lezioni di gruppo, era possibile acquistare pacchetti di lezioni individuali con le insegnanti oppure acquistare un workshop con Steven Retchless (famoso per la sua audizione di grande successo per il programma America’s Got Talent). Insomma pole dance per tutti i gusti e tutti i livelli!

Qualche piccola pecca, invece, per quanto riguarda l’organizzazione dovuta alla struttura ospitante probabilmente non del tutto preparata all’evento; ma fortunatamente il morale delle partecipanti è sempre stato alto ed entusiasta. In questa cornice sportiva, il bel tempo ed un bellissimo mare hanno regalato piacevolissimi momenti di relax dopo gli sforzi profusi nell’allenamento.

Ci auspichiamo che i raduni dedicati alla pole dance e al suo meraviglioso mondo diventino sempre più frequenti dando modo alle partecipanti di far esplodere tutta la loro passione, che credetemi è tantissima, a prescindere dai livelli.

Vorremmo inoltre dare qualche suggerimento utile al fine di realizzare un evento sportivo impeccabile e soddisfacente e che ci auguriamo possa essere colto positivamente dagli organizzatori di manifestazioni sportive. A tal proposito, ci vorremmo soffermare un momento sull’importanza che riveste l’alimentazione la quale è essenziale all’impiego di energie nello sforzo fisico. Ergo, un’abbondante e varia colazione è indispensabile e seriamente gradita da tutte le “forzute d’Italia”: frutta, cereali, latte, latte di soia ( per coloro che non mangiano derivati animali o hanno intolleranze), fette biscottate e marmellate. Il corpo è una macchina che ha bisogno della benzina giusta per funzionare bene. Bisogna curare ciò che si mangia in qualsiasi momento del giorno. Stesso discorso per il pranzo e la cena. Pasti adattabili alle esigenze di tutti (onnivori, vegetariani, vegani, intolleranze etc….) con la certezza di offrire qualità e giuste porzioni.

La cosa ottimale per gli orari delle lezioni, sarebbe quella di metterli a punto in modo da permettere un minimo di ripresa fisica tra una lezione e l’altra. Non dimentichiamoci che lo sport è divertimento senza stress!
Insomma, ci auguriamo che le nostre “suggestions” raccolte dialogando con le polers, possano essere un incentivo a fare sempre meglio e a rendere questi raduni imperdibili. Il Passaparola richiama più persone di qualsiasi altra cosa, sfruttiamolo! Prendiamoci cura della Pole Dance e del suo mondo.

Lo scopo di questo articolo resta quello di far crescere la community e di invitare le pole dancers a riunirsi nelle manifestazioni sportive dedicate. Il confronto con altre appassionate aiuta, invoglia, fa crescere e spesso è utile a livello pratico. Sono stati giorni belli e ringrazio tutte le ragazze che ho conosciuto e con cui ho avuto il piacere di dialogare. Stay tuned!

Comments (2)

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go Top