Il contest(o) è tutto quando ci si esibisce

da | Apr 7, 2015 | GARE DI POLE DANCE

In questo periodo, i miei pomeriggi (ed anche le notti, a dirla tutta) sono occupati dal montaggio del recente Italian Pole Dance Contest di Modena. Un lavoro abbastanza classico: camera centrale a riprendere le esibizioni intere e macchina a mano per rubare qualche emozione, qualche primo piano. Sguardi. Occhi. Corpi.

Io e Eliana ci alterniamo, perché lo zoom pesa, e molto. Nello schermino di riferimento non tutto è chiaro: sarà a fuoco? Sarà ben composta? E se ora la tizia andasse in verticale d’improvviso, io come farei a seguirla? L’unico modo per controllare le riprese è a casa, davanti ad uno schermo abbastanza grande. Ed è a casa che vedi, per la prima volta, le emozioni. Tensione. Sorriso. Presa mancata. Imbarazzo. I giudici mi stanno fissando. Potrei cadere. Hanno visto l’errore. Ecco i miei amici. Canto.

Paura.

Eppure l’ho provata e riprovata, a casa (è sempre lì che si torna). L’ho provata e riprovata in palestra. Sono mesi, mesi che mi alleno! E allora, cosa c’è?

C’è il contesto.

Il contesto è tutto.

Le prove sono fondamentali; gli esercizi rendono tua l’esibizione, ti fanno entrare nei cluster e nei beat della musica; lo specchio può aiutare per lo sguardo, per l’espressività. Ma le prove non sono, per loro stessa ontologia, l’esibizione (lat. ex-habère, letteralmente avere, tenere fuori; far vedere, mettere in mostra, far notare in pubblico). Ed è il contesto dell’esibizione che rende tutto catastroficamente più complicato: è la presenza degli altri. Amici (con relativi striscioni), parenti (abbiamo visto due meravigliosi genitori ultra settantenni, quest’anno, sostenere la loro piccola Freddie Mercury!) e, sopra ogni altra cosa, il severo giudizio degli esperti.

Non è forse vero che gli stessi trick, le stesse transizioni, le inversioni, i jade e le onde, saranno percepite in modo diverso se eseguite in una palestra, in un teatro o addirittura in un night?

Eppure l’ho provata e riprovata, a casa.

Il contesto è tutto.

Federico Eliana Chebobjim

 

Cose che non vorresti perdere:

  1. Iscriviti ai corsi del Pole Dance Home Studio lavori sui fondamentali nel comfort di casa. Costruisci basi solide ripetendo con i tuoi tempi.
  2. Scarica gratis il Pole Dancer Kit, la tua bussola per orientarti nella pole dance grazie alla guida fotografica gratuita e per organizzare i tuoi allenamenti  con il Pole Dancer Kit.
  3. Se sei un insegnanti o vuoi insegnare, iscriviti per ricevere in anteprima tutte le novità che ho pesnato per te.

 

A

Potrebbero interessarti anche

Ciao sono Valentina D'Amico

Ciao sono Valentina D'Amico

Insegno pole dance online e dal vivo, organizzo eventi e ho creato la più grande community italiana di pole dance

 

Dal 2011 aiuto le poler italiane a crescere e migliorare nella pole dance.

Lo faccio con la scuola online, i corsi di persona in tutta Italia e il blog.

Qui trovi articoli pieni di consigli, suggerimenti per allenarti meglio e tante guide aggiornate per te che vuoi allenarti anche da casa.

 

La tua carica settimanale in pillole

Ogni settimana ti parlo di come diventare più fluida lavorando sulle basi e  costruendo una motivazione d'acciaio.

Unisciti ad oltre 7.000 pole dancer, iscriviti alla newsletter.