Arriva per tutte un momento in cui ci si chiede: dove sto andando, perché lo sto facendo, e magari in cui ci si sente un po’ imbranate perché non si riesce a migliorare. Di solito capita dopo un anno di pole dance, ma può succedere anche dopo una pausa in cui non ti sei allenata o per mille altri motivi.

Giusto settimana scorsa, un’amica ed ex allieva, mi ha scritto dicendomi che non era felice: non stava migliorando e si sentiva sempre allo stesso punto. Ho pensato che valeva la pena affrontare questo tema apertamente perché a quanto pare non sono stata l’unica a passare un periodo no pur avendo una grandissima passione per il nostro sport. Quando mi è arrivata la crisi da pole dance sentivo che non stavo andando avanti e non sapevo assolutamente cosa fare. L’unico modo per superarla è stato fermarmi un attimo e fare chiarezza.

Come superare la crisi del primo anno

Le crisi arrivano in tutto: in amore, al lavoro, con gli amici. Siamo in continuo movimento ed evoluzione. Ogni giorno cambiamo e questo cambiamento si riflette in tutto quello che facciamo mettendo in crisi le convinzioni che ci eravamo create fino al giorno prima.

Tra questo c’è una cosa che secondo me sopra a tutte fa andare in crisi: svegliarsi una mattina pensando che tutto quello che hai fatto fino a ieri non è servito a niente, perché non ti ha portato da nessuna parte. È familiare la sensazione di star perdendo tempo a fare pole dance e sentire che non sei andata da nessuna parte?

Ora ti racconto le tre cose sulle quali ho ragionato io per uscire dalla crisi e che potrai utilizzare anche tu. Per farlo ti serve un quadernetto, oppure puoi scaricare la scheda che ho creato per te.

[sdm_download id=”11605″ fancy=”0″]

 

1# QUANTO TEMPO HAI A DISPOSIZIONE

Prendi il quadernetto e inizia a fare un calcolo del tempo che impieghi per tutte le cose che fai durante la settimana. Crea 8 colonne, e sulla prima scrivi le attività che svolgi ogni giorno: mangiare, dormire, studiare o lavorare, cucinare, palestra di pole e tutto quello che fai.  Sulle altre colonne metti i giorni della settimana. Per ogni voce scrivi quante ore passi facendo quell’attività. In questa fase non devi scrivere quello che vorresti, ma quello che fai. Il totale deve fare 24, mi raccomando. Quante ore libere ti rimangono? Tieni segnato questo dato, tra poco vedremo come utilizzarlo.

 

2# COSA VUOI MIGLIORARE

Dire che vuoi migliorare è una frase che magari ti ripeti spesso, ma se ci pensi è un po’ vaga.  In cosa vuoi migliorare? Quali sono i tuoi punti deboli e quelli forte? La pole dance è formata da varie parti: FORZA, RESISTENZA, FLESSIBILITÀ, FLUIDITÀ/INTERPRETAZIONE.  In che cosa non ti senti abbastanza preparata? Solo nella forza o in tutto?

Ora riprendi il quadernetto e segnati per ognuno di questi aspetti i PRO ovvero quelli che pensi siano i tuoi punti di forza e se stai già facendo qualcosa per migliorare, come ad esempio: ho fatto danza per 10 anni, sono fortissima, non ho la spaccata ma faccio un’ora di stretching alla settimana. E tutti i CONTRO e i punti deboli: non ho forza nelle mani, mi stanco subito, quando ballo sono rigida come un tronco e non mi piace ballare.

Non pensare troppo scrivi di getto quello che ti viene in mente. Tante volte mi accorgo che nella testa ho dei pensieri che mi creano problemi, ma una volta scritti nero su bianco diventano molto più semplici da gestire.

Io ad esempio pensavo di non essere abbastanza forte di braccia, così ho iniziato gli allenamenti di functional training con il coach e ho capito che le braccia erano molto forti, mentre gli addominali i glutei e le gambe non troppo. Questa differenza tra la parte superiore e inferiore mi rendeva difficile fare diverse figure di pole dance. Ma soprattutto non avevo resistenza = dopo un giro sul palo ero stanca.

 

3# QUAL È IL TUO OBIETTIVO

Perché vuoi migliorare, ma soprattutto dove stai andando con la pole dance? Avevo parlato nel post di settimana scorsa di obiettivi, e il discorso ritorna sempre lì. Se non sai dove stai andando, dovunque arriverai non sarai felice perché ti chiederai cosa ci fai lì.

Questo è il tuo momento per sognare in grande, tanto il tuo quadernetto lo leggi solo tu. Cosa ti piacerebbe fare nella pole dance da qui a sei mesi/ un anno? Può essere qualunque cosa: voglio fare una gara, voglio vincere una gara, voglio esibirmi, voglio andare in tv, voglio organizzare un grande show, qualunque cosa.

Oppure ti sei accorta che ti mancano le basi e che molte figure non ti vengono ancora bene, e uno dei tuoi obiettivi potrebbe essere fare e rifare certi trick. Su questo di sicuro ti può aiutare il mio corso online Pole Dance Home Studio, dove troverai i corsi dei primi cinque livelli del Pole Dance Passport (clicca qui).

 

 

Siamo pronte per capire dove andare

Ora arriviamo al momento clou, quello che riunirà i punti che abbiamo visto sopra.

Nel primo punto hai scoperto come impieghi il tuo tempo e ora sai quanto tempo libero hai, oppure quali attività eliminare per dedicarti alle cose da migliorare. Ricordati sempre di non esagerare riempiendo troppo l’agenda. Anche se la pole dance è la tua passione, il lavoro o lo studio sono attività impegnative che ci stancano, l’obiettivo è sempre cercare il giusto equilibrio.

Nel secondo punto hai capito cosa devi migliorare e cosa non va.  Nel quadernetto hai scritto tutto, i tuoi punti di forza, i tuoi limiti e quello che già fai. Magari guardando questo foglio capirai che vuoi migliorare nella flessibilità e ti accorgerai che durante la settimana fai 4 lezioni di pole dance e sei forte come un leone. Bene togli 1 lezione di pole dance e inserisci una di stretching, da fare a scuola o a casa.

Nel terzo hai messo nero su bianco il tuo obiettivo. Ora sai quanto tempo hai a disposizione per te, e su cosa vuoi migliorare. Questo tempo ti basta per raggiungere il tuo obiettivo, o è meglio spostare l’obiettivo di qualche mese più avanti o di un anno? Ma soprattutto il tuo obiettivo è in linea con le cose che vuoi migliorare?

 

Realizza i tuoi sogni

Rileggendo quello che hai scritto nel quadernetto, potrai incrociare i dati capendo finalmente dove vuoi andare e correggere il tiro quando ti rendi conto che non è veramente quello che vuoi. Ma soprattutto ora è il momento di creare un piano di azioni per raggiungere la tua meta.

Ad esempio se tra i tuoi obiettivi c’è fare una gara, allora dovrai iniziare a pensare a quale gara sia più adatta a te, al tuo livello in questo preciso momento, dovrai ragionare sulle figure che puoi fare e quelle che devi preparare. Oppure scopri che vorresti imparare più trick, ma hai solo 5 ore alla settimana per allenarti sul palo e a livello economico puoi fare 1 sola lezione di pole dance a settimana. Potrebbe aver senso porti come obiettivo di comprare il palo per casa per utilizzare le ore a disposizione per ripetere le cose viste a scuola. L’importanti è scrivere tutti i passi che pensi siano essenziali per raggiungere il tuo obiettivo.

 

Tieni i tuo i fogli bene in vista e riguardali ogni settimana. Questo ti servirà per ricordarti il motivo che ti spinge ad allenarti e mantenere il focus sui tuoi obiettivi. E quando sei giù di morale, riprendi in mano e vedrai che la fiamma che ti ha spinto ad iniziare si riaccenderà subito.

 

Scarica ora la scheda e inizia a scoprire dove vuoi andare

[sdm_download id=”11605″ fancy=”0″]

 

Comments (2)

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go Top