Il nostro contributo per la campagna “lo sport difende, la violenza offende”

da | Nov 9, 2015 | Lifestyle

Senza forze. Impaurito. Vuoto.
Gli stati d’animo chi è stato vittima di una violenza.

Ma non solo: ciò che davvero devasta l’essere umano è la paura che possa succedere di nuovo. Il terrore che non sia finita lì: torneranno quel dolore e quell’umiliazione? Quando? Domani? Stasera?
L’elemento più spaventoso, nel subire una violenza, è la distruzione della dignità. Qualcosa di simile, e meglio di me, l’aveva già detta Nieztsche ne La Gaia Scienza:

“Che cos’è per te la cosa più umana? Risparmiare vergogna a qualcuno.”

Il cancro che inesorabile continua a lavorare dentro la vittima è il lascito più terribile di tutta questa brutta storia. È il nemico più feroce. E sta nella metà oscura di tutti noi, in quella parte che di solito lasciamo nascosta sotto una coltre di perbenismo, di morale, di socialità. Di mondano.

Quando, però, l’esperire entra nel campo degli istinti, la metà oscura, finalmente, esplode. E si ribella. Laddove non c’è morale, esplode l’animale.
E l’animale non accetta di subire alcuna violenza.

Come tradurre tutto ciò in cinema?
Da questa domanda parte il progetto StopIt che poi ha preso il nome di “Lo sport difende, la violenza offende“, che abbiamo realizzato con Valentina D’Amico e con l’aiuto di Eliana Colomo (aiuto regia), Cristina Colomo (make-up) e il supporto di Valeria Bonalume per la coreografia di pole dance.

lo sport contro la violenza sulle donne (1)
É successo qualcosa, in un inquetante non-luogo. Non sappiamo cosa, non lo sapremo mai.
Ma qualcosa è successo.
Una ragazza si alza da terra. È senza forze. È impaurita. È vuota.
Un time-lapse può molto: può trasformare, può scatenare (togliere catene a) la metà oscura. Ed è lei, la parte animale, che proteggerà la parte umana, che combatterà per lei, che cercherà di riportare un po’ di giustizia. Con la forza che manca alla vittima, e senza paura di nulla. E restando segreta garante della sua dignità.
Solo l’unione e il rispetto della metà umana e di quella animale possono garantire equilibrio alla vita. Di tutti. Persino del carnefice.

Con la speranza che il segnale delle parabole iniziali possa raggiungere le orecchie più sorde.

 

Il video uscirà il 25 Novembre, nel frattempo contribuisci anche tu al progetto dedicando e condividendo una tua foto dell’allenamento con l’hashtag #LoSportDifende.

Lo sport difende, la violenza offende
Con il patrocinio di Telefono Rosa e Assist Associazioni Atleta Nazionale.

Cose che non vorresti perdere:

  1. Iscriviti ai corsi del Pole Dance Home Studio lavori sui fondamentali nel comfort di casa. Costruisci basi solide ripetendo con i tuoi tempi.
  2. Scarica gratis il Pole Dancer Kit, la tua bussola per orientarti nella pole dance grazie alla guida fotografica gratuita e per organizzare i tuoi allenamenti  con il Pole Dancer Kit.
  3. Se sei un insegnanti o vuoi insegnare, iscriviti per ricevere in anteprima tutte le novità che ho pesnato per te.

 

A

Potrebbero interessarti anche

Ciao sono Valentina D'Amico

Ciao sono Valentina D'Amico

Insegno pole dance online e dal vivo, organizzo eventi e ho creato la più grande community italiana di pole dance

 

Dal 2011 aiuto le poler italiane a crescere e migliorare nella pole dance.

Lo faccio con la scuola online, i corsi di persona in tutta Italia e il blog.

Qui trovi articoli pieni di consigli, suggerimenti per allenarti meglio e tante guide aggiornate per te che vuoi allenarti anche da casa.

 

La tua carica settimanale in pillole

Ogni settimana ti parlo di come diventare più fluida lavorando sulle basi e  costruendo una motivazione d'acciaio.

Unisciti ad oltre 7.000 pole dancer, iscriviti alla newsletter.