Mentre dall’altra parte del mondo e più precisamente a Hong Kong si preparavano per l’International Pole Championship, il campionato internazionale di pole dance più conosciuto al mondo, a pochi passi dall’Italia si sfidavano i più grandi pole dancer internazionali all’Aerial Pole International.

Sì certo ci sarebbe piaciuto andare ad Hong Kong, ma l’Aerial Pole International è da mettere nella lista dei campionati internazionali da non perdere, sia per la vicinanza con l’Italia ma soprattutto per l’alta qualità dell’organizzazione e dei performer.

Questo il trailer che il nostro video maker Federico Zazzara ha girato durante questo splendido evento:

Tra i giudici, esperti di pole dance come Elena Gibson prima campionessa di pole dance nel Regno Unito e prima campionessa del mondo nel 2005 (la performance di Elena prima dell’inizio dello spettacolo video). Dominic Lacasse, due volte Guiness mondiale come Uomo Bandiera, famoso acrobata e coreografa, specializzato nelle discipline circensi ha collaborato anche con le Cirque du Soleil. Eugene W. Rhodes III coreografo e ballerino, arriva dagli Stati Uniti dove ha studiato nelle più prestigiose scuole di danza, lavora ora a Berna nello Stadttheater come solista e coreografo per la sua compagnia di danza. Johannes (Balou) Mayer direttore e produttore artistico, ha lavorato per molti anni con le Cirque du Soleil in qualità di direttore della pre-produzione, rappresenta la personalità tecnica tra i giudici, indispensabile per apportare quel giudizio “commerciale” e magari per scoprire qualche nuovo talento. Ultima ma importantissima è Gabriella In-Allbon la pioniera della pole dance in Svizzera e l’ideatrice e l’organizzatrice di questo fantastico evento.

L’anno scorso si erano sfidati grandissimi campioni, primo posto assoluto categoria femminile Marlo Fisken (America) mentre per la categoria maschile Evgeny Greshilov (Russia), qui l’articolo che avevamo scritto proprio l’anno scorso (leggi).

Quest’anno l’Aerial Pole International ci ha proposto volti nuovi e futuri campioni, così come grandi artisti già conosciuti nell’ambiente della pole dance. Vi raccontiamo qui le performance di ognuno di loro.

Prima ad esibirsi la nostra Alessandra Marchetti, stile Uomo Ragno ha cavalcato la scena con la sua forza e determinazione. Alcune posizioni di culto che ci piace vedere da lei come il russian split da terra o lo spatchcock eseguite con una tecnica perfetta, hanno scosso il pubblico e i giudici vincendo il premio come Best Execution.

A seguire Bendy Kate, chi non la conosceva ne ha sentito parlare grazie allo show televisivo inglese UK Got Talent, dove ha mostrato tutte le sue capacità e il background artistico. Bendy è una ballerina aerea (tessuti, trapezio, cerchio), lavora da diversi anni nell’ambiente circense ed è molto forte e “spericolata”. Sulle note musicali di Janet della Giugnla, Bendy ha dimostrato di essere una regina del palo fisso che ha “domato” con destrezza.

Diana Ham, dal Messico una novità completa per lo staff di Pole Dance Italy. Pratica la pole dance da cinque anni e ha un background nella ginnastica. Con una canzone soft e morbida, ha elegantemente ballato prediligendo il palo girevole per spin, ballerina, un batman perfettamente eseguito chiudendolo in un iron-x.

Hanka Venselaar nella vita è una ricercatrice scientifica, un lavoro che da 5 anni affianca alla sua più grande passione la pole dance. Ha una scuola tutta sua in Olanda lo Studio Ad Astra http://www.studio-adastra.nl/, dove insegna e si allena. Non ci sono molte parole per descrivere Hanka, perchè è fluida elegante fortissima, emozionante. Non abbiamo ancora trovato il video, se mentre noi cerchiamo voi ne trovate uno segnalatecelo nei commenti.

Heidi Coker, dall’America con forza e tecnica da vendere. Il suo passato sportivo nella ginnastica si vede ancora oggi, per la pulizia dell’esecuzione dei movimenti. Scopre la pole dance nel 2009 e da lì è tutto un salire, terzo posto ai mondiali di Tokyo del 2011 e ai campionati nazionali in America, così come finalista al Pole Art 2011. La sua performance era dedicata al mondo e all’ambiente sulle note di “Imagine al the people” rivisitata in chiave lounge, già dai primi elementi ci ha convinto e ha convinto anche la giuria con il premio Best Tricks.

Maria Luz Escalante, dall’Argentina diverse volte campionessa di pole dance nazionale e nel 2010 secondo posto ai mondiali a Zurigo e vincitrice nella sezione Pole Art del Pole Dancing Universe 2011. Da lei ci aspettavamo davvero tanto e, infatti, non ci ha deluso. La musica è stata come una storia attraverso la quale ci siamo fatti accompagnare dolcemente da Maria Luz nella performance. Ha esaltato ogni passo con maestria e forza. Sorprendente sia sul palo fisso sulla quale ha perfettamente svolto tre salite in flag, per poi lasciarci a bocca aperta sul palo girevole, quando in inversione si è gentilmente accomodata sul palo tendendosi solo con una gamba, lasciatevi sorprendere.

Nataliia Tatarintseva Miss Pole Dance Ucraina 2011, poco conosciuta a livello internazionale nella pole dance è invece conosciutissima nella ginnastica ritmica, di cui è stata sia campionessa europea che mondiale. La performance di Nataliia, oltre ad aver infuocato il pubblico del Teatro Nazionale, è stato un concentrato di forza, flessibilità, presenza scenica, interpretazione musicale perfetta, la campionessa degli Aerial Pole International e vincere il premio come Best Music Interpretation. Il video purtroppo non le rende giustizia ma date un occhio.

Manuela Carneiro dalla Francia, si presenta sul palco degli Aerial Pole International in versione diva. Un nuovo look e un nuovo stile per la vice campionessa francese 2011, terzo posto ai Campionati Europei del 2010 e secondo ai Campionati Europei del 2008, oltre a dimostrare la sua flessibilità con un music box http://poledancedictionary.com/moves/348/music-box/ perfettamente eseguito si evidenzia tutta la sua forza quando gira attorno al palo con un solo braccio. Mentre noi ci chiediamo ancora come faccia ecco il video.

Phoenix Kazree dall’America, ha studiato nelle più grandi scuole di danza di Los Angeles, nel 2011 ha vinto i California Pole Championship e nello stesso anno i Pole Dance Universe Championship nella sezione amatori. All’Aerial Pole International ha vinto il premio come Best Show, totalmente meritato vista l’esibizione sia sul palo che a terra.

Dante Hernandez carica ed energia dal Messico, la musica latina ha scosso il pubblico dell’Aerial Pole Internationale e ci siamo fatti trascinare da Dante, e dai suoi ammiccamenti. Sul palo è determinato, handspring e iron-x come se fosse niente. Una brusca caduta verso la fine non lo scoraggia ma anzi si alza e continua a ballare.

Issei dal Giappone, anche lui meno conosciuto, ci ha sorpreso quando da un abbigliamento un po’ hip-hop a sfoderato un costume da pirata e ha ballato sulle note di Pirata dei Caraibi. Carino e divertente.

Nico Modestine anche lui un volto nuovo nel panorama internazionale. Dall’Inghilterra pratica pole dance da solo tre mesi, ma vedendo una sua performance avremmo tutti detto diversamente. Ha dimostrato presenza scenica, tecnica sul palo ma vi lasciamo vedere il video senza aggiungere altro.

Risultati finali degli Aerial Pole International 2012

Best Male: Dante Hernandez Villaverde (video)
Best Female: Nataliia Tatarintseva (video)

Best Execution: Alessandra Marchetti (video)
Best Tricks: Heidi Coker (video)
Best Music interpretation: Nataliia Tatarintseva
Best Costume: Bendy Kate (video)
Best Show: Phoenix Kazree (video)

Trovate il video trailer dell’evento qui video e  le bellissime foto fatte da Vincenzo Barbagallo su www.vibaro.ch.

Vedere uno spettacolo dal vivo di questo livello è davvero importante e stimolante, ogni performer condivide con il pubblico la sua energia. Inoltre si possono vedere performance con stili molto differenti tra loro che è fondamentale per comprendere le varie sfumature e per cercare il proprio stile personale.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go Top