fbpx

Quando si pensa alla pole dance exotic in Italia, non può che venirti in mente lei: Arianna Candido. Pole dancer auto-didatta di altissimo livello ha nello Stripper Style il suo marchio di fabbrica. Regina dei tacchi altissimi e della shoe bang, tra le pioniere della pole in Italia, è stata una delle prime ad aver avviato corsi in Veneto. Attualmente insegna nella suo scuola Pole Dance Treviso e tiene workshop in tutta Italia dove insegna alle donne a sentirsi sexy e sicure di sé.

arianna candido photo don curry

Flessibile e sinuosa, le coreografie di Arianna sono la perfetta combinazione tra tecnica, pulizia dei movimenti e sensualità. Oggi ha accettato di parlarci un po’ di lei.

Parlaci un po’ di te e della tua carriera di pole dancer.

Ho iniziato a praticare pole dance nel 2011 quando, per caso, mi sono imbattuta in un video su YouTube. Stregata e fregata.
Da quel momento ho deciso che di “quella pole dance” ne avrei fatto una passione e di lì a poco sarebbe invce poi diventato un vero e proprio lavoro.
Autodidatta sin dall’inizio, quando la pole dance in Italia era agli albori, ho rincorso le mie idole in giro per workshop non appena si fosse presentata l’occasione.
Il mio background di danza classica e moderna di 13 anni mi ha dato un metodo ed è stato un’ottima base su cui poter studiare ma, nonostante questo, ogni giorno è stato ed è una lotta e una conquista continua.
Ho iniziato a gareggiare nella categoria “coppia” con la mia amica e collega Sonia Valerio per puro gioco e divertimento. E così, nel 2012 sono stata campionessa d’Italia e vice campionessa europea e finalista ai mondiali di Zurigo. Nel 2013 sono stata medaglia di bronzo ai campionati italiani, finalista agli europei di Praga ed ho prtecipato anche ai mondiali di Londra.
Tutt’ora gareggio e insegno a tempo pieno. Vivo questa doppia vita e quando serve passo dall’essere atleta di pole sport all’essere ballerina e istruttrice di Exotic pole dance, lo stile che da sempre mi attrae, mi appassiona e per il quale mi sento davvero portata.

Si, “quello con i tacchi”. La mia vita.

Appartieni a quello zoccolo duro di pole dancer che, nonostante tutto l’ambiente della pole si stia muovendo verso altri stili, non rinunciano alla sensualità e ai tacchi. Per chi non ti conosce e non conosce il tuo stile, hai voglia di raccontarci un po’ cos’è per te lo stripper style?

È uno stile sensuale e femminile di pole dance dove gesti atletici e acrobazie al palo sono eseguiti con movenze fluide e sinuose, con particolare attenzione a passaggi floor-to-pole e pole-to-floor. Si caratterizza per l’uso di scarpe tecniche con il tacco, in gergo stripper heels, fondamentali per l’esecuzione di trick, leve e transizioni che ne richiedono l’uso e che sono tipiche di questo stile (per esempio lo shoe bang o il toe dragging).
La fluidità e la sinuosità della figura coinvolge tutto il corpo, dal busto (bodywaves) ai fianchi (hips circles) ai capelli (hair flicks), sapientemente incorporati all’interno delle routine.

arianna candido

Ti è mai capitato di essere vittima di pregiudizi e cattiverie per via del tuo stile sexy?

È facile essere sulla bocca di tutti quando sei una bella ragazza, capace ed intarprendente e lo sei ancora di più quando proponi e promuovi questo stile di pole dance in cui tacchi a spillo e plateau vertiginosi la fanno da padroni.
Si, è capitato spesso in passato di essere giudicata e criticata e talvolta succede anche ora.
Ma per me non si tratta di cattiveria, è solo un po’ di invidia e tanta ignoranza.
Se solo sapessero quanto allenamento, quanti lividi e quanta fatica ci sono dietro quei minuscoli 15 secondi di video postati in rete..
Per poter praticare Exotic Pole non è sufficiente indossare un paio di sandali alti. Quegli arnesi, per noi, sono degli strumenti da lavoro e come tali occorre imparare a padroneggiarli. Bisogna saper camminare, curare il portamento, saperne usare il tacco e poi il plateau, essere pronti a ritarare il movimento perchèle gambe sono più lunghe, le distanze aria-terra-palo sono ridotte, l’equilibrio cambia, non esiste lo slancio delle mezze punte e tutto è rimesso alla forza dell’upper body.

Se solo provassero a mettersi nei miei panni. Ops! O dovrei dire nelle mie scarpe?? =)

Come rispondi a chi ti paragona a una lap dancer?

Sorrido, intenerita, spiegando la differenza tra una pole dancer e una lap dancer.
Poi, preciso, non mi risulta esistano atlete di lap dance..
Con tutto il rispetto.

Cos’è per te la sensualità?

Ci penso ogni giorno.
La sensualità è un concetto un po’ misterioso, esotico, difficile da inquadrare in una definizione.
È qualcosa di soggettivamente bello, che tocca le corde profonde di ognuno di noi, che stimola i sensi.
È un concetto astratto, legato alla percezione: del suono che ascoltiamo e delle forme che vediamo, che del movimento grande o piccolo che sia.
Sensualità è una bodywave, una mano che sfiora i capelli durante una pirouette, le linee disegnate con eleganza nell’aria da un braccio in movimento.
Come ballerina credo che il mix perfetto della sensualità nasca dalla combo di questi tre elementi: donna + suono + forme del movimento.

In cosa, secondo te, la pole dance ti ha aiutato maggiormente?

Quando frequentavo le scuole medie durate l’ora di educazione fisica mi sono sempre tenuta lontana da quella pertica gialla fredda e cattiva: di fare la scimmietta non se ne parlava proprio; arrampicarmi mi terrorizzava.
Quando ho inizato a praticare pole dance è stata una sfida con me stessa.
La pole dance mi ha aiutata e ogni giorno mi aiuta a sfidare i miei limiti.
Mi fa volare in alto: con il corpo, il cuore e la mente.

Qual è la parte del tuo corpo che preferisci?

Questa è la domanda più difficile!
Adoro tutto del mio corpo, sono una donna molto fortunata che si è sempre presa gran cura di sè e in questo senso la pole dance è stato un toccasana.
Furbescamente potrei risponderti che adoro le mie curve. Tutte!
No dai, tornando serie, se proprio devo dirtene una il seno: credo di essere uno dei pochi esempi di pole dancer , a detta delle mie colleghe, che non ha ridotto le misure da quando pratico questa attività.
Felicità immensa =)
E nessuna rinuncia alimentare.

Che consigli vorresti dare a chi, come me, è impeditissima sui tacchi, ma vorrebbe comunque imparare?

L’elemento indispensabile dell’Exotic Pole è, come ho già detto, il tacco. I tacchi sono un’opportunità di allenarsi in maniera differente senza rinunciare (ed anzi esaltando) il nostro lato femminile. Tutto cambia con un paio di tacchi ai piedi: il movimento e le forme che ne derivano, le forze, gli equilibri, le sensazioni di chi balla e di chi guarda.

Ho già scritto due articoli sull’uso della scarpa nella pratica della pole dance che vi consiglio di leggere Per indossare i tacchi.. bisogna essere all’altezza e Exotic pole dance shoes: tutto quello che dovete sapere sui vostri tacchi. Guida all’acquisto.
Quello che posso dire è semplicemente che i tacchi sono magici, conferiscono un potere speciale.. provare per credere!

Tre motivi per cui ogni donna dovrebbe provare, almeno una volta, una lezione di exotic pole.

Innanzitutto di non avere fretta e non correre a comprare scarpe super alte e fuori portata: c’è un tempo per tutto.
È come pretendere di poter andare in inversione alla prima lezione di pole dance! Niente di più sbagliato.
Avere una passione per i tacchi o anche soltanto indossarli tutto il giorno non vuol dire poter senza dubbio ballare Exotic pole.
Secondo e terzo consiglio vanno a braccetto: pazienza e costanza.
All’inizio tutto sembrerà strano, ci si vedrà goffe e senza speranze, tutto sembra irraggiungibile. Invece è solo con la pratica che si raggiungono grazia e risultati.
“Practice makes perfect”, ha detto qualcuno.
E, giuro, è proprio così.
Ultimo ma non meno importante: essere convinte! Non abbiate paura e siate forti e dirette. La mia prima maestra mi ha insegnato questo motto: ” stay tall, move slow: if you think you are sexy, then you are sexy”.

Potete seguire Arianna sulla sua pagina Facebook sulla pagina Facebook della scuola o sul suo sito.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go Top