Quando ho intervistato Iamad Boari e mi sono trovata immersa nella bellissima storia di una ragazza che ha incontrato il mondo della Pole Dance quasi per caso, e che da quest’incontro è riuscita a rinascere facendo del palo il perno della sua disciplina, del suo lavoro e di tutta la sua vita.

Oltre ad essere stata Campione Italiana di Pole Sport IPSF 2017, prima classificata all’Italian Pole Dance Contest 2016, seconda allo Swiss Pole Art 2015 e terza al Campionato Italiano Pole Sport FISAC 2014 ha partecipato all’IPSF World Pole Sports Championships del 2014, del 2016 e del 2017, e ha portato la Pole Dance in Spagna e Croazia al Pole Art Spain 2015 e il Pole Theatre Croatia 2015, oltre al Pole Theatre Italy 2016…giusto per non farsi mancare nulla!

Non dimenticate, però, che Iamad è soprattutto un’insegnante! Anzi, è seconda classificata come miglior insegnante italiana di Pole Dance 2015 per Pole Dance Italy.

La lista di partecipazioni e vittorie è fin troppo lunga…volete finalmente vederla? Qui potete ammirarla nel video musicale della cover fatta dai Ratafiamm alla canzone “Veramente” di Mario Venuti.

Pensate sia un’eroina? Anche, ma è soprattutto una ragazza normale che è riuscita a unire il suo essere una moglie, la sua passione per N.C.I.S. e la sua vita quotidiana con la Pole Dance, così tanto da diventarne una delle protagoniste italiane più apprezzate pur rimanendo una persona come tutte noi.

Come abbia fatto, potete scoprirlo qui sotto…

Iamad Boari Pole Dance

Come ti sei innamorata della pole dance?

Per caso, nel 2012, una mia amica per sfuggire alla solita palestra mi ha portato a fare una prova di pole dance, siamo capitate alla PoleXgym di Titty Tamantini ed è stato subito un amore grande per questa disciplina!

Sono stata fortunata anche ad aver incontrato Titty, che è stata tra le prime ad aver portato questa disciplina in Italia e che, oltre ad allenarmi, nel corso del tempo mi ha insegnato ad insegnare.

 

Cos’è per te la pole dance?

È una rinascita!  È stata l’occasione per essere come l’araba fenice che ho tatuata dietro la spalla: una nuova strada che mi ha consentito di esprimermi e trovare fiducia e coraggio in me stessa, mettendomi alla prova ogni giorno, affrontando i miei limiti e cercando di superarli con l’aiuto e l’incoraggiamento delle persone intorno a me. È il mio lavoro, che finalmente faccio ogni giorno col sorriso, sperando di trasmettere la mia passione alle mie allieve e ai miei allievi!

 

Cosa facevi prima di fare pole dance? La risposta più bella che potresti darci sarebbe dirci che prima della pole dance stavi sul divano tutto il tempo e poi sei diventata così brava partendo da zero.

Erano tanti anni che non facevo praticamente nulla! A dimostrazione che la pole dance la può fare chiunque perché è uno splendido modo per rimettersi in forma.

 

Quante volte alla settimana ti alleni? Sappi che gni volta che faccio questa domanda ad un’atleta tremo.

Nei periodi più intensi, magari vicino a qualche gara o competizione, cinque giorni a settimana almeno per tre ore al giorno, la pole è un bellissimo sport, ma può essere molto faticoso e non bisogna esagerare! Soprattutto se poi fai anche lezioni quotidiane che impegnano il tuo fisico non poco.

 

E quando non ti alleni chi sei, cosa fai, cosa ti piace fare. Ad esempio guardare Netflix , leggere un libro, mangiare le patatine sul divano, shopping, a cena fuori, vale qualunque cosa.

Una persona normalissima, da poco sono (anche) una moglie, che cerca di trovare il tempo per le amicizie (con i nostri orari di insegnamento non sempre è facile), che non vorrebbe perdersi una puntata di N.C.I.S. e che prima di crollare la sera per addormentarsi cerca di sfogliare qualche pagina di libro come “La verità sul caso di Harry Quebert” di Joël Dicker. Però lo shopping no, non lo tollero, a meno che non siano completini di pole e similari!

 

Iamad Boari Pole Dance

 

Come è cambiata la tua vita da quando fai pole dance?

Sono cambiati i miei orari, i miei ritmi di vita, soprattutto insegnando la sera la mattina ho bisogno di recuperare per potermi allenare a dovere. Non faccio altro che vedere video di pole dance e cercare sui social le ultime figure dei mostri della pole o delle nuove leve, ci sono ragazze e ragazzi eccezionali in giro per il mondo, da cui si può solo imparare; oppure cercare competizioni, gare e workshop per vivere esperienze di questo mondo molto stimolante. Il problema è che poi ti appassiona talmente tanto che occupa tutto, matrimonio incluso!  Il tableau mariage, la torta nuziale e persino il lancio del bouquet erano tutti con il palo! E poi quando vai in vacanza o appena sei in giro non cerchi altro che posti dove appenderti e costringere il marito a fare foto!!!

 

Le cinque o i cinque pole dancer che vorresti chiudere nel tuo studio per potertici allenare tutti i giorni

  • Anzitutto Alessandra Marchetti, che insieme a Titty mi ha insegnato molto e con cui mi sono sempre allenata tanto e bene fin quando è stata a Roma.
  • Oona Kivelä, semplicemente un mito assoluto!
  • Heidi Coker, un persona magnifica e una pole dancer eccezionale.
  • La bellissima e bravissima Terri Fierce, una ragazza dolcissima e sempre appassionata sul palo.
  • Infine un sogno, di cui ho visto video all’infinito, ma con cui non ho mai avuto la possibilità (almeno finora!): Felix Cane!

Che consiglio daresti alle lettrici di pole dance Italy per migliorare nella pole dance?

Fare un ottimo riscaldamento sempre con costanza e quel potenziamento necessario per arrivare a un buon controllo del proprio corpo: ingredienti essenziali per fare le cose in sicurezza e senza farsi male e progredire rapidamente. E se si ha tempo a disposizione affiancare la pole ad allenamento funzionale o similari: grazie a Francesca Altomonte ho scoperto che questo genere di allenamento è utilissimo per noi pole dancer!

Il matrimonio era tutto a tema pole dance, ma che dici ci puoi fare vedere una foto almeno una?

Certo che sì, questa è una foto dal nostro tableau mariage :D.

Iamad Boari Pole Dance

 

 

Puoi continuare a seguire Iamad su Facebook e su Instagram.

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go Top